Lunedì, 18 Marzo 2019

Comune Lamezia LtnewsLamezia Terme, 23 febbraio 2019 - “L'annullamento dello scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia è una gran bella notizia che restituisce l'onorabilità alla nostra comunità cittadina, la riabilita davanti alla Calabria e alla nazione tutta e, permettetemelo di dire, allontana finalmente dalla città una insipida commissione straordinaria che, sotto il piano amministrativo, di fatto, ha totalmente fallito".

Così, Mimmo Gianturco. "Sono stato sempre critico nei confronti dell'amministrazione Mascaro e non dimentico i suoi due anni e mezzo di gestione, anch'essi fallimentari, ma non posso che gioire per questa notizia. A breve, però, saremo chiamati ad una profonda analisi politica, dove si dovrà fare una seria riflessione sui tanti errori commessi e capire se il consiglio comunale intero vorrà andare avanti in maniera coesa, tenace e soprattutto responsabile, magari con qualche altra dimissione, per risollevare Lamezia dal pantano in cui è stata trascinata o se invece è il caso di restituire ai lametini la possibilità di eleggere una nuova e più forte amministrazione comunale, in rottura con il passato, lontana dai classici giochini di potere, che fughi ogni dubbio su strane connivenze e che sia rappresentata da amministratori più capaci. Ad ogni modo, insieme al mio gruppo politico, non ci tireremo indietro e siamo pronti a fare ciò che è nelle nostre possibilità e responsabilità per il bene di tutti. Ci mettiamo, ancora una volta, a disposizione dell'intera città. Per sempre forza Lamezia”.

*******
Colombo: da rivedere legge su scioglimenti

In merito alla sentenza del Tar che ribalta la decisione relativa allo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia Terme e riabilita sindaco, giunta e civico consesso ai loro rispettivi ruoli istituzionali è d’uopo fare una profonda riflessione relativamente ad una legge, quella sugli scioglimenti dei consigli comunali per infiltrazioni mafiose, che sia nella forma, sia nell’applicazione, si dimostra inadatta e stantia. Al netto delle reazioni politiche sulla sentenza che certamente crea un precedente non indifferente sulla questione, emerge un sentimento trionfalistico che, per quanto legittimo possa essere, si inquadra come dicevano i latini, nella visione del “Pro domo sua” e che non incentra la discussione su di un aspetto fondamentale della triste vicenda politica e giudiziaria che per quanto oggi possa apparire foriera di giustizia e di riscatto per la città, domani potrebbe essere nuovamente ribaltata da una nuova sentenza del Consiglio di Stato e non sarebbe certo una novità relativamente all’argomento in questione. All’indomani del terzo scioglimento per infiltrazioni mafiosa che interessò Lamezia Terme, parlai infatti di legge inadeguata ,che come quel cane che si morde la coda, conculca la volontà popolare ed allo stesso tempo non previene il cancro che divora ed uccide l’istituzione civica, come quel medico che decide non di curare l’ammalato bensì di sopprimerlo facendo venire meno la funzioni degli organi vitali.  Il numero dei consigli comunali sciolti per mafia risulta essere alla data attuale in continua crescita con il record battuto nel corso del 2017 con il serio rischio che, come la spada di Damocle che  incombe sulla testa di una città, lo stesso Comune incorra in un nuovo scioglimento per condizionamenti mafiosi, cosa che nella città di Lamezia Terme, conosciamo a menadito. Tutto questo deve portare e soprattutto puntare l’attenzione massima su di un fattore imprescindibile che è quello relativo ad una legge che sappia finalmente disciplinare la materia partendo dalla prevenzione e dallo studio sulla fragilità degli Enti locali, sulle cause che trascinano un’amministrazione in condizionamenti esterni e spesso anche interni e che hanno come effetto deleterio sempre il provvedimento di scioglimento. Numerose nel corso degli ultimi anni sono state le proposte di modifica rispetto alla legge in questione con tanto di promessa e di attenzione anche da parte della Commissione parlamentare anti-mafia ma ancora ad oggi tutto appare come lettera morta e si assiste a forme burocratiche portate al parossismo e sentenze che cambiano assetti democratici per poi nuovamente riportarli all’ordine costituito e poi chissà azzerare nuovamente il tutto.  Se è vero che questa legge ha fatto il suo tempo e che i vari schieramenti politici sembrano trovarsi d’accordo su ciò ,altro non resta che cambiarla con un’altra che tenga finalmente conto dei singoli casi e dello studio dell’ambiente e dei possibili condizionamenti su quel territorio ,impedendone quindi sul nascere le deleterie commistioni tra mondo politico e criminalità organizzata ed allo stesso tempo discernere i ruoli e le responsabilità di Civici consessi e Giunte comunali per arrivare ad una chiara e marcata differenza tra gestione ed amministrazione. Altro aspetto poi da affrontare è la fase successiva ad uno scioglimento per infiltrazioni mafiose, non è infatti più accettabile in una nazione che possa considerarsi civile ed avanzata, che chi venga chiamato a gestire i comuni commissariati, si presenti totalmente inadeguato a tale funzione e compito ed in questa città nell’ultimo anno ne abbiamo avuto contezza sufficiente ,con commissari dello Stato che hanno pensato a trincerarsi nella loro presunta fortezza di vetro, credendo in maniera erronea che sarebbe bastato far rispettare le varie normative senza adattarle al territorio impendendo cosi il minimo sviluppo di crescita sociale ed economica che anche in una fase commissariale, lo Stato in una città, dovrebbe garantire.  Invito con tale mia riflessione tutto il mondo politico e culturale della città ad avviare una seria iniziativa tesa a sensibilizzare il governo ad una rapida modifica della legge sugli scioglimenti per condizionamenti mafiosi dei comuni, partendo sui poteri che si possano attribuire ai consigli comunali, sul funzionamento e sull’efficacia delle giunte e sugli effettivi poteri dei sindaci e con particolare attenzione sui poteri da assegnare ai commissari prefettizi e sui percorsi riabilitativi dei comuni oggetto di provvedimento di scioglimento. 

IGOR COLOMBO

Già segretario provinciale Forza Nuova

Già coordinatore regionale Azione Identitaria

Oggi privato cittadino

 

*******

Cristiano: finisce l'era dei facili scioglimenti...

La sentenza del Tar del Lazio con cui viene  annullato il decreto di scioglimento del Consiglio Comunale di Lamezia Terme è una sentenza storica per tanti aspetti, una vittoria del Sindaco Mascaro, della Città, di Noi tutti, dei suoi legali che hanno svolto un lavoro eccezionale e tutti coloro che non hanno mai mollato. A mio avviso finisce in Calabria l' era dello "scioglimento facile" ovvero l'interruzione traumatica della democrazia espressione della volontà popolare, spesso paghiamo lo scotto di essere Calabresi.L'art. 143 del Tuel, che disciplina lo scioglimento dei comuni,  va necessariamente  rivisto dal legislatore. In seconda battuta la città si scrolla l'onta di città mafiosa,  ridà dignità e onore a uomini e donne, amministratori su cui pesava un macigno non indifferente, soprattutto per gente come il sottoscritto che appartiene alle Forze Armate. Dal punto di vista politico noi di MTL siamo estremamente soddisfatti, in primis perché abbiamo sottoscritto il ricorso del Sindaco Paolo Mascaro con il nostro Assessore Elisa Gullo, restando leali fino alla fine senza nessuna fuga. Non ci piace abbandonare la nave anche se siamo stati travolti da un tornado.  Adesso si apre una fase politica molto delicata,con una città in macerie, in cui non sono ammessi errori, dove è necessario operare una rivoluzione amministrativa immediata, senza guardare in faccia nessuno nel solo interesse della città. Certo bisogna capire cosa troveremo all' interno del Comune e rendere tutto pubblico, la città deve sapere,  interloquire sin da subito con il Prefetto di Catanzaro per sbloccare l'assunzione di nuovi Dirigenti consapevoli che si parte non da zero ma da -10. Noi siamo pronti, leali e determinati a dare il nostro contributo di idee ed esperienza se ci saranno le condizioni, per come abbiamo sempre fatto. Abbiamo un unico obbiettivo, consegnare ai nostri figli una città migliore. Bisogna rimboccarsi le maniche e lavora,per noi i punti  sono già tracciati e sono il programma politico del 2015 e le battaglie che abbiamo portato avanti in questi 15 mesi di commissariamento dove non abbiamo abbandonato la città portando avanti molte battaglie che oggi rivendichiamo ancora di più. I cittadini dovranno riappropriarsi dei propri spazi,negati in tutti questi mesi,  con un comune amico, diversamente non "viviamo di politica" perché noi la interpretiamo come un servizio. Chi in tutti questi mesi ha voltato le spalle alla città di Lamezia Terme non potrà rimanere al suo posto, è necessario che tutta la città sia unita in quello che potremmo definire come il "giorno della liberazione", mettendo da parte, laddove esistano anche risentimenti di tipo personale. Forza Lamezia.

Massimo Cristiano

Presidente MTL- Lamezia Nuova

*******

Fratelli d'Italia: la città si riappropria della dignità e dell’onorabilità che merita

Apprendiamo con gioia la notizia della sentenza del Tar che ridona a Lamezia Terme un consiglio comunale e una guida politica legittimamente eletta. La città si riappropria finalmente della dignità e dell’onorabilità che merita dopo una  triste pagina di commissariamento, occorre per tanto riflettere sulle leggerezze commesse e sulla necessità di rivedere la normativa che porta allo scioglimento dei consigli comunali affinché non si privi inutilmente una intera comunità cittadina ad essere rappresentata e amministrata da chi è stato regolarmente eletto ed è distante da perverse logiche criminali. Siamo sempre stati critici verso l’amministrazione guidata dal sindaco Paolo Mascaro, al quale facciamo i nostri complimenti per la straordinaria vittoria giudiziaria e lo invitiamo, però, a prendere puntuali e attente decisioni sul futuro amministrativo della nostra città affinché Lamezia Terme torni a splendere di luce propria. Dal canto nostro, osserveremo con attenzione le decisioni del sindaco e saremo, come sempre, a completa disposizione del territorio.
Il Commissario Cittadino FdiGino Vescio

Lamezia, Gigliotti (Italia Nostra) denuncia abbandono e degrado al Parco Impastato

Lamezia, Gigliotti (Italia Nostra) denuncia...

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - "Come si può permettere che il Parco Peppino Impastato da gioiello ed orgoglio venga ridotto ad uno stato di...

Comune Lamezia, Piccioni: Consiglio paralizzato da questioni tutte interne alla maggioranza

Comune Lamezia, Piccioni: Consiglio paralizzato...

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - "E' ormai passato un mese dalla sentenza del Tar Lazio che ha annullato lo scioglimento e legittimato il ritorno...

Lamezia, operativa la nuova sede del Centro servizi volontariato

Lamezia, operativa la nuova sede...

Lamezia Terme, 15 marzo 2019 - E' operativo lo sportello territoriale del Centro servizi al volontariato di Lamezia Terme. Dopo quasi quattro anni dalla chiusura...

Lamezia, operazione Movida: revocate misure cautelari per Arzente e Caruso

Lamezia, operazione Movida: revocate misure...

Lamezia Terme, 17 marzo 2019 - Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lamezia Terme, Emma Sonni, ha accolto l’istanza di revoca delle...

Reggio Calabria, patto 'ndrangheta-mafia per l'omicidio Scopelliti: 17 indagati. C'è anche Matteo Messina Danaro

Reggio Calabria, patto 'ndrangheta-mafia per...

Reggio Calabria, 17 marzo 2019 - La Procura distrettuale di Reggio Calabria ha indagato 17 tra boss e affiliati a cosche mafiose e di 'ndrangheta...

Lamezia, mercoledì al Chiostro San Domenico iniziativa pubblica per ricordare Antonio Milano

Lamezia, mercoledì al Chiostro San...

Lamezia Terme, 17 marzo 2019 - Mercoledì 20 marzo, alle 17,30, presso il Chiostro caffè letterario in piazzetta San Domenico di Lamezia Terme, Antonio Milano,...

Lamezia, domenica 24 marzo escursione sul Monte Mancuso organizzata dall’Associazione “Santi 40 Martiri”

Lamezia, domenica 24 marzo escursione...

Lamezia Terme, 16 marzo 2019 - Tutto pronto per la prima uscita del 2019 di domenica 24 marzo organizzata dall’Associazione “Santi 40 Martiri” che avrà...

Gizzeria Lido, chiosco bar distrutto da incendio

Gizzeria Lido, chiosco bar distrutto...

Gizzeria Lido, 16 marzo 2019 - Una squadra dei Vigili del fuoco di Lamezia Terme è intervenuta questa notte intorno alle 00.30 per un incendio...

CITTA'

Lamezia, Gigliotti (Itali...

18 Marzo 2019
Lamezia, Gigliotti (Italia Nostra) denuncia abbandono e degrado al Parco Impastato

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - "Come si può permettere che il Parco Peppino Impastato da gioiello ed...

LAMETINO

Gizzeria Lido, chiosco ba...

16 Marzo 2019
Gizzeria Lido, chiosco bar distrutto da incendio

Gizzeria Lido, 16 marzo 2019 - Una squadra dei Vigili del fuoco di Lamezia Terme è intervenuta quest...

CALABRIA

Reggio Calabria, patto 'n...

17 Marzo 2019
Reggio Calabria, patto 'ndrangheta-mafia per l'omicidio Scopelliti: 17 indagati. C'è anche Matteo Messina Danaro

Reggio Calabria, 17 marzo 2019 - La Procura distrettuale di Reggio Calabria ha indagato 17 tra boss...

SPORT

Judo, Pierluigi Vono e Vi...

19 Febbraio 2019
Judo, Pierluigi Vono e Vincenzo Franceschi qualificati alla finale del campionato nazionale  cadetti di Ostia

Lamezia Terme, 19 febbraio 2019 - Doppia qualificazione per la societa’ sportiva Asd Lamezia Te...

contatti logo

Copyright 2018 © LAMEZIA TERME NEWS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Lamezia Terme (Cz)
Reg. Stampa n° 7/10 del 3.12.2010
Direttore responsabile: Antonio Cannone
Editore: Asd Violetta Club - PI: 02148570795

logo amp

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}